Crea sito

Il caffé, la grandine e James Brown a Latina… io ero Libero!

Una giornata di sole, un giornale anni 80, le cuffiette con la musica, il caffé con gli amici e poi arriva la tempesta. Ma c’è il bar che ci protegge, quando sei al bar nulla può accadere. Il Bar ti ripara dai chicchi di grandine che piovono come proiettili. Avrei voluto non finisse più, perché al bar stò bene e mi sembra di vivere la canzone dei KLAXON di Centocelle ma a Latina.

La tazzina di caffé con James Brown: TOP.

“Entrai in un bar mentre il vento spingeva
con forza foglie e pioggia lungo la strada.
Un temporale stava per scatenarsi
fu un grande tuono, era una grande
giornata.
Un vecchio arrivò vicino alla porta
guardammo insieme tutta quella pioggia
mi chiese lora e io risposi di corsa.
Sembrava notte ma era giorno, che
importa?
Io ero LIBERO

Grazie al Bar Cioccòlati di Latina per aver prestato la sua tenda “stellata” alle nostre teste umide! 🙂

Tornando a casa poi scopri che i giardinetti pubblici si sono trasformati in una scena romantica: deserto, le giostre vuote e le panchine inbiancate. Sembra di stare nel film Autumn in New York, ma non c’è nessuna Winona Ryder nelle vicinanze.

Latina come Autumn In New York